San Bernardino da Siena (1380 - 1444)

San Bernardino da Siena, l'Apostolo d’Italia, è stato un missionario riformatore e un economista d’orientamento scolastico. Nacque nella cittadina di Massa Marittima in Toscana, dalla nobile famiglia Albizzeschi. Dopo aver prestato soccorso ai malati durante la grande pestilenza scoppiata a Siena nel 1400, entrò nell’ordine dei francescani. Nel suo vagabondare a piedi attraverso tutta l’Italia, divenne un predicatore molto popolare e conosciuto. Durante il suo ministero gli fu offerto di diventare vescovo per ben tre volte, cosa che egli rifiutò, poiché avrebbe dovuto abbandonare ciò che sentiva come la sua principale vocazione, quella del missionario.

Bernardino fu quello che più di tutti gli altri riuscì ad ordinare in un sistema l’economia scolastica dopo Tommaso d’Aquino, e il primo teologo dopo Pietro Giovanni degli Olivi a scrivere un’intera opera sull’economia. Questo libro intitolato Sui contratti e l’usura, affrontava la giustificazione della proprietà privata, l’etica del commercio, la determinazione del valore e del prezzo e la questione dell’usura. Il suo più grande contributo all’economia fu rappresentato dalla più ampia analisi e difesa dell’imprenditore mai scritta a quei tempi. Egli fece notare che il commercio, come tutte le altre occupazioni, poteva essere praticato sia in maniera legale che illegale; tutte le professioni forniscono l’occasione per peccare. Per di più, i mercanti forniscono molti servizi utili: trasportando le merci da regioni in cui si trovano in abbondanza a regioni in cui scarseggiano; custodendo e immagazzinando beni che sono a disposizione dei consumatori ogni volta che ne hanno bisogno; e, come artigiani o imprenditori industriali, trasformando le materie prime in prodotti lavorati.

Bernardino osservò inoltre che l’imprenditore viene dotato da Dio di una precisa e speciale combinazione di doti naturali che gli consentono di portare a termine questi compiti molto utili. Egli identificava in questa rara combinazione quattro precise doti imprenditoriali: efficienza, responsabilità, laboriosità, assunzione del rischio. Pochissime persone posseggono queste quattro virtù. Per questa ragione Bernardino sosteneva che l’imprenditore, giustamente, guadagna quanto gli basta a rimanere sul mercato e ad essere ricompensato per la sua fatica. Tutti questi guadagni sono la ricompensa per la sua fatica, per le spese e i rischi che ha corso.

Fonti: Economic Thought Before Adam Smith by Murray N. Rothbard (Edward Elgar, 1995), Christians for Freedom by Alejandro A. Chafuen (Ignatius, 1986), and The Lives of the Saints by S. Baring-Gould (John Grant, 1914).