Isaac Backus (1724 - 1806)

Queste sono le parole di Isaac Backus, uno degli oratori di punta del “pulpito della Rivoluzione Americana”. Spesso collegato a Roger Williams, John Leland, Thomas Jefferson e James Madison, Isaac Backus è una delle “figure di spicco nel processo di formazione in America di un movimento sulla libertà di coscienza”. La sua dedizione alla causa dei diritti civili e della libertà di coscienza trova chiara espressione nel sermone che egli fece pubblicare nel 1773, An Appeal to the Public for Religious Liberty, Against the Oppressions of the Present Day”.

Nato nel Norwichin Connecticut, nel 1724, Backus si convertì al cristianesimo nel 1741. Frequentò per cinque anni una chiesa Separatista Congregazionista, prima di decidere nel 1746 di diventare un predicatore seguendo l’insegnamento di George Whitefield. Ordinato sacerdote nel 1748, divenne un battista nel 1751 quando assunse la guida pastorale della Chiesa Battista di Middleborough, nel Massachusetts.

Backus realizzò presto che i provvedimenti presi dalla Chiesa ufficiale di Stato per regolamentare l’amministrazione civile dello Stato limitavano in realtà le libertà dei gruppi religiosi non ufficiali.

L’assemblea legislativa obbligava ogni città a istituire e mantenere una chiesa di Stato e in più a dare lavoro e a provvedere ad un ministro della Chiesa in possesso di un titolo accademico, tutto ciò attingendo alle tasse dei cittadini senza alcun riguardo per la loro appartenenza religiosa.

E coloro che si rifiutavano di pagare questa tassa erano soggetti a pene che venivano comminate dallo Stato attraverso il suo agente, l’assemblea statale locale, e che includevano anche la confisca di tutti i beni e l’incarcerazione.

Backus riteneva che questa compenetrazione di Stato e Chiesa negava agli individui di praticare la propria religione nella maniera da loro ritenuta più adatta, e considerava l’appoggio alla Chiesa di Stato alla stessa stregua dei provvedimenti presi in Inghilterra e che l’assemblea legislativa del Massachussetts aveva condannato.

Egli sosteneva che la libertà di coscienza, compresa la libertà di religione, sono un tema centrale non solo nelle Sacre Scritture ma anche nella tradizione liberale. Nel 1774 Backus si trovò a dover istruire i delegati inviati al Primo Congresso sull’importanza della libertà religiosa e presenziò inoltre, in qualità di delegato dal Middleborough, al convegno tenuto nel Massachusetts e che promulgò la Costituzione del 1788.